2017, ecco le principali misure a sostegno dell’export

Forse non tutti la conoscono ma la Cabina di Regia per l’Italia Internazionale – co-presieduta dal Ministro degli Affari Esteri e dal Ministro dello Sviluppo Economico e che vede inoltre la partecipazione dei principali attori governativi ed economici nazionali – si sta sempre più rivelando uno strumento fondamentale nella promozione del processo di internazionalizzazione delle nostre PMI.

Essa rappresenta l’impegno concreto di Governo, istituzioni territoriali e mondo delle imprese per coordinare al meglio le politiche e le strategie di internazionalizzazione del Paese, mettendo a sistema iniziative per la promozione, strumenti di analisi e penetrazione sui mercati e concentrando l’uso delle risorse finanziarie verso obiettivi specifici e condivisi.

La quinta riunione della Cabina di Regia si è riunita lo scorso 27 ottobre e, nel corso della stessa, sono state prese una serie di importanti decisioni:
– definizione delle aree geografiche considerate prioritarie fra cui spiccano: economie emergenti, con particolare attenzione nei confronti del canale e-commerce in Cina, gli USA ed i Paesi UE (Germania in primis). Si è poi manifestata la forte volontà di riallacciare i rapporti commerciali con la Russia, precipitati a seguito delle sanzioni, con particolare riferimento al supporto del settore dei beni strumentali;
– messa a punto di una nuova strategia promozionale per il Brand Italia che si pone l’obiettivo di valorizzare, in modo integrato, il patrimonio imprenditoriale, manifatturiero, scientifico, tecnologico, culturale e turistico del nostro Paese;
– organizzazione di numerose missioni imprenditoriali già nei primi mesi del 2017 (Iran, Russia, Australia, Indonesia e India);
– conferma dello stanziamento di 200 milioni di euro per il Piano straordinario per il Made in Italy che saranno investiti per attività variegate che puntano su un rafforzamento della digital economy, il lancio dell’industria 4.0, sui roadshow per l’internazionalizzazione delle imprese e l’attrazione degli investimenti, sulle campagne contro l’italian sounding, sull’ingresso dei prodotti italiani nella grande distribuzione all’estero, sulla formazione e consulenza alle PMI e sul potenziamento delle fiere italiane;
– focalizzazione, in termini settoriali, sui seguenti comparti: meccanica strumentale, tecnologia industriale, agroalimentare;
– potenziamento dei servizi di supporto a sostegno dell’export, con un incremento dei fondi su attività di formazione e consulenza (voucher Temporary Export Manager, Alti Potenziali, e-commerce, ecc.);
– ulteriori strumenti saranno messi a disposizione dal Gruppo Cassa Depositi e Prestiti attraverso Sace e Simest (circa 15 miliardi di euro l’anno), dalle Regioni e dalle Camere di Commercio.

Il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, in occasione del meeting ha voluto evidenziare come da anni il commercio internazionale attraversi un periodo di crisi caratterizzato da tassi di crescita inferiori a quelli del PIL e dal riaffermarsi di spinte protezionistiche: “Globalizzazione ed internazionalizzazione sono fenomeni polarizzanti. Dobbiamo proseguire e rafforzare le attività di sostegno al nostro export perché possa raggiungere tutto il potenziale ancora inespresso”.


 

2017 – Here are the Main Initiatives to Support Exports

Perhaps not everyone knows it, but the Cabina di Regia per l’Italia Internazionale (Control Booth for International Italy) – co-chaired by the Minister of Foreign Affairs and the Minister of Economic Development, which also includes the participation of key national government and economic players – is increasingly proving to be a key tool in promoting the internationalization of our SMEs. It is the concrete commitment of the Government, local institutions and the business community to better coordinate the country’s policies and strategies of internationalization, creating a series of initiatives for the promotion, analysis and penetration into the market and focusing the use of financial resources upon specific and shared objectives.

The Cabina di Regia’s fifth meeting was held on October 27, 2016 to make important decisions:
– Definition of geographical areas considered priorities among which are emerging economies, with particular attention to the e-commerce channels in China, the US and EU countries (especially Germany). The meeting also offered the opportunity to re-establish trade relations with Russia, which precipitated as a result of sanctions, with particular reference to support for the capital goods sector;
– Development of a new promotional strategy for the Italy Brand, which aims to enhance, in an integrated way, our country’s entrepreneurial, manufacturing, scientific, echnological, cultural and tourism assets;
– Organization of many business missions in the early months of 2017 (Iran, Russia, Australia, Indonesia and India);
– Confirmation of the allocation of 200 million euro for the Special Plan for Made-in-Italy brands, which will be invested in a variety of activities aiming to strengthen the digital economy, the launch of industry 4.0, the internationalization of companies and attract investments, to release Italian products to international markets, to train and advice SMEs and to enhance Italian fairs;
– Focus, in terms of sectors, on the following sectors: mechanical engineering, industrial technology, and agri-food;
– Strengthening of support services for export activities, with increased funding of training and consultancy (Temporary Export Manager, High Potential, e-commerce, etc.);
– Additional tools will be made available by the Cassa Depositi e Prestiti Group through Sace and Simest (around 15 billion euro per year), as well as by Regions and Chambers of Commerce.

During the meeting, Carlo Calenda, Minister of Economic Development pointed out how for many years international trade has been undergoing a period of crisis characterized by growth rates below those of the GDP and by the resurgence of protectionist pressures: “Globalization and internationalization are polarizing phenomena. We need to continue strengthening support activities for Made-in-Italy exports, to allow them reaching their full untapped potential”.