25a Convention mondiale delle Camere di Commercio Italiane all’estero

Dal 22 al 25 ottobre terremo a Riva del Garda la 25a Convention mondiale delle Camere di Commercio italiane all’estero, che per la prima volta si tiene in Trentino Alto Adige grazie al forte impegno e all’iniziativa delle due Camere di Commercio di Bolzano e di Trento e delle rispettive Province Autonome

Nei quattro giorni di discussioni e dibattiti, con gli amministratori delle CCIE, delle Camere italiane e qualificati rappresentanti del mondo delle imprese e delle istituzioni nazionali e locali, il filo conduttore sarà il ruolo delle reti territoriali e globali per lo sviluppo del Made in Italy. E tre sono le sfide che queste reti si trovano ad affrontare: Innovazione, digitalizzazione e internazionalizzazione. Sono delle sfide che già valgono per le imprese e che, a maggior ragione, riguardano le Camere italiane nel mondo, chiamate a supportarle in questo percorso.
Queste sfide ci spingono non solo ad essere sempre più proattivi, ma ad inventare noi stessi risposte nuove in termini di servizi e di soluzioni per coniugare la nostra storia, l’essere aggregatori delle comunità di affari, soggetti multilaterali di collegamento nel mondo, con le domande delle imprese, sempre più sofisticate e attente ai risultati.Sono sfide che restringono i possibili spazi di intermediazione, accorciano i canali tra erogatori e destinatari dei servizi e dei prodotti (nel campo dell’assistenza all’internazionalizzazione come altrove), spingono le CCIE a confezionare risposte a maggior valore aggiunto, in cui la sola attività promozionale non è più sufficiente, ma serve dare un risultato diretto e concreto in termini di business. Come rete di imprenditori italiani e italici che guardano all’Italia come partner strategico di business, la Convention è un luogo di incontro con le imprese del territorio e con le istituzioni, a cui vogliamo rappresentare le molteplici interconnessioni che una rete globale come la nostra è in grado di offrire a chi si mette in gioco per costruire nuovi percorsi di sviluppo.
Oggi più che mai la crescita di un Paese non si esaurisce dentro i suoi confini, ma è frutto di un’interazione costante con una rete di relazioni fiduciarie che validano opportunità.
Il web è un ecosistema ormai imprescindibile per costruire sviluppo ma solo le persone e i territori possono poi renderlo effettivamente reale e condiviso. La sfida del digitale, che significa sviluppo di nuove forme di connettività più “social” e dirette, da un lato apre infatti a nuove modalità di fornitura di servizi, dall’altro elimina posizioni di rendita rappresentate dal presidio di alcuni canali di accesso o di conoscenza specifica. La profilazione dell’utenza e della clientela, grazie all’utilizzo dei big data, sotto molti versi erode il tradizionale valore del rapporto personale, ma non lo elimina, bensì lo riconfigura.
Certo, il cambiamento ha dei costi e, come ricordava Winston Churchill, non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare occorre necessariamente cambiare!
E le CCIE vogliono attivare un processo di continuo miglioramento, nella consapevolezza che le organizzazioni vincenti non aspettano le riforme, ma puntano ad anticiparle.
Giocare d’anticipo è stato il senso della longevità del sistema delle CCIE, che si è sempre riorganizzato prima che gli eventi esterni lo obbligassero a farlo. Per questo la Convention è anche l’occasione per avviare un percorso di ridefinizione nel segno dell’efficacia e dell’efficienza e di autoriforma anche delle CCIE, per rendere sempre più il nostro sistema un player capace di precorrere i cambiamenti. E questo perché, come soggetto di mercato, siamo in costante ascolto delle reali esigenze delle imprese e siamo quindi in grado di assisterle nel processo di innovazione e modernizzazione ormai imprescindibile per essere realmente globali.

Programma

Sabato 22 Ottobre 2016
LAVORI ASSOCIATIVI
Sede dei lavori: Centro Congressi Riva del Garda
Sessioni di lavoro, in plenaria e in gruppi, riservate ai delegati camerali esteri

Domenica 23 Ottobre 2016
LAVORI ASSOCIATIVI
Sede dei lavori: Centro Congressi Riva del Garda
Sessioni di lavoro, in plenaria e in gruppi, riservate ai delegati camerali esteri
Assemblea Assocamerestero

Lunedì 24 Ottobre 2016
Sede dei lavori: Centro Congressi Riva del Garda
CONVEGNO
“Il ruolo delle reti nella promozione del made in Italy”
9.00 – 9.30 Indirizzi di saluto delle Autorità
9.30 – 10.10 Relazioni Presidente di Assocamerestero Presidente di Unioncamere
10.10 – 11.40 Forum “Le sfide: digitale, innovazione, internazionalizzazione”
11.40 – 13.00 Forum “I territori, in Italia e nel mondo, come chiave di successo nel mercato globale” Conclusioni Rappresentanti del Governo

Martedì 25 Ottobre 2016
Sede dei lavori: Centro Congressi Riva del Garda
LE IMPRESE INCONTRANO I DELEGATI DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE ALL’ESTERO
09.30 – 18.00 Sessione di incontri “one-to-one” con le imprese Parallelamente agli incontri
10.00 – 17.30 Seminari sui mercati maggiormente richiesti dalle imprese
18.00 Chiusura dei lavori


 

The 25th World Convention of the Italian Chambers of Commerce Abroad 

The four days of discussions and debates, which will be attended by the administrators of the Italian Chambers of Commerce and the Italian Chambers of Commerce Abroad, as well as qualified representatives from the business community and the national and local institutions, will be focused upon the regional and global networks’ role in the development of the Made in Italy marking. And these networks are facing three specific challenges: innovation, digitization and internationalization.
These challenges are already being faced by businesses, and therefore must also be addressed by the Italian Chambers of Commerce Abroad, who are called upon to support them along these lines. These challenges not only drive us to become more proactive, but also to come up with new answers in terms of services and solutions, in order to combine our history (as aggregators of the business community, and multilateral connecting entities abroad) with the demands of the companies themselves, which are becoming increasingly sophisticated and attentive to the end results. These challenges restrict the potential areas of brokerage, shorten the channels between the providers and the recipients of the services and products (both in the field of internationalization support and elsewhere), and press the Italian Chambers of Commerce Abroad to provide answers with greater added value, in which promotional activities alone are no longer enough, and direct and concrete results in terms of business must be provided. As a network of Italian entrepreneurs who see Italy as a strategic business partner, the Convention serves as a place to meet with local companies and institutions, for whom we represent the numerous interconnections that a global network such as ours is capable of offering for those who strive to create new pathways of development.
Today more than ever, a country’ growth does not end within its own borders: it is the result of constant interaction with a network of reliable relationships, which serve to validate the opportunities.
While the web is a fundamental ecosystem for ensuring development, only the people and the local territories can transform this development into an effective and shared reality. The digital challenge, in fact, which can be understood as the development of new forms of more “social” and direct connectivity, creates new ways of providing services on the one hand, while at the same time eliminating income positions represented by certain specific knowledge or access channels. Thanks to the use of big data, user and customer profiling in many ways erodes the traditional value of the personal relationship, and reconfigures it, without entirely eliminating it. Change naturally comes with certain costs, and as Winston Churchill said, change does not always mean improvement, but change is necessary in order to improve! And the Italian Chambers of Commerce Abroad want to implement a process of continuous improvement, knowing full well that successful organizations do wait for changes to occur, but rather strive to bring them about. Getting ahead of the game has played a key role in the longevity of the Italian Chambers of Commerce Abroad system, which has always reorganized itself before any external events would require it to do so. In this sense, the Convention also serves as an opportunity for the Italian Chambers of Commerce Abroad to redefine themselves in terms of effectiveness and efficiency and to implement self-reform, in order to increasingly render our system a player that’s capable of anticipating the changes.
And this is because, as a market entity, we are constantly attentive to the actual needs of enterprises, and are therefore capable of assisting them in the process of innovation and modernization, which is essential for being truly global.