30 Aprile/l’Italian Internet Day


di Domenico Calabria.

Il 30 aprile del 1986 l’Italia per la prima volta si è connessa ad Internet: il segnale, partito dal Centro universitario per il calcolo elettronico di Pisa, è arrivato alla stazione di Roaring Creek, in Pennsylvania. “Ping”, fu il semplice messaggio, a cui dagli Usa risposero con un “ok”.  Quella prima connessione era la fine del progetto di un gruppo di pionieri, ed è stato l’inizio di una storia nuova.
Trenta anni dopo, il prossimo 29 aprile, un Internet Day coinvolgerà tutta Italia, per celebrare i primissimi passi del web in Italia e ricordare le gesta di chi ci ha creduto per primo. “Quel giorno, ricorda il Presidente del Consiglio Renzi, il CNUCE, il Centro di calcolo elettronico del CNR di Pisa, è stato collegato per la prima volta alla rete Arpanet, la rete creata negli Stati Uniti per collegare i computer delle università, degli istituti di ricerca e degli enti militari. Quindi, continua Renzi, il 30 aprile 2016 saranno 30 anni esatti. E faremo un altro Internet Day. Tutti sono invitati a partecipare.
Ad aprile saremo pronti con il primo bando sulla banda ultra larga. Sarà il primo di una serie di bandi con i quali portare a tutti i cittadini entro il 2020 la connessione Internet ad alta velocità e colmare  quindi il divario digitale nei prossimi quattro anni”. Banda ultra larga, competenze digitali, servizi digitali per tutti: è ora di accelerare. Come fecero 30 anni fa.