“Cultura del tartufo” candidata a diventare patrimonio immateriale dell’umanità Unesco

Olivero-23Il 27 marzo la Commissione italiana, riunitasi al Ministero della cultura, ha votato all’unanimità la candidatura.

Il dossier sarà valutato nei prossimi mesi dall’organismo dell’Onu. L’iniziativa è stata seguita dal viceministro cuneese, Andrea Olivero, che sottolinea come ci siano buone probabilità che il riconoscimento venga ottenuto. “Con la candidatura della cultura del tartufo come patrimonio immateriale dell’umanità si è riconosciuto nel tartufo – commenta il Viceministro Andrea Olivero – non solo un prodotto della terra, ma un simbolo di una civiltà agricola e di una cultura capace di sviluppare uno straordinario rapporto tra l’uomo e l’ambiente naturale. L’Italia, – prosegue Olivero – con questa autorevole candidatura, dimostra l’attenzione alle aree interne, spesso ingiustamente considerate ‘minori’, ma nella realtà capaci di manifestare eccellenza culturale e produttiva. Alba, Acqualagna, Norcia e molte altre terre, al Nord come al Centro e al Sud, hanno sviluppato nei secoli un patrimonio culturale che oggi è doveroso custodire e tramandare”.

Soddisfatto è pure Alberto Valmaggia: Assessore Regionale all’Ambiente, alla Programmazione Territoriale e Paesaggistica e, proprio, alla Tartuficoltura. “Da piemontese e da cuneese – dice – sono orgoglioso della candidatura, che si inserisce nel lavoro che, a livello di Regione, stiamo portando avanti per la valorizzazione del territorio. Il tartufo di Alba è l’ambasciatore nel mondo delle nostre terre e la sua promozione vuol dire anche promozione del territorio dal punto di vista paesaggistico. Una grande opportunità”.

Per il Presidente di Unioncamere Ferruccio Dardanello, “Dopo i paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, che nel 2014 l’Unesco ha riconosciuto Patrimonio Mondiale dell’Umanità, e la volta di questo ulteriore candidatura, come legame inscindibile con la natura, perché solo tramite la simbiosi con le sue radici il tartufo può svilupparsi e prosperare, dando un contributo concreto alla diffusione dei veri sapori della nostra enogastronomia e alla promozione, oltre che delle eccellenze dei nostri straordinari territori anche dei valori intangibili che li caratterizzano”.