Donne per il Made in Italy

Chiara Lungarotti, insieme a Giannola, Cristina, Antonella, Elisabetta e Francesca Nonino, si aggiudicano il Premio Donne per il Made in Italy, assegnato a Roma presso il ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Lungarotti e le signore Nonino sono tra le sette premiate che si sono distinte “per la capacità di innovare e contribuire in maniera significativa alla crescita dell’economia italiana”. 

Il riconoscimento è stato conferito nel corso del convegno targato Io sto con il Made in Italy, iniziativa avviata dal massmediologo Klaus Davi e sostenuto da istituzioni e Pmi italiane. 

Per l’imprenditrice umbra, il vino è il core business di un gruppo che oltre a una produzione di alta qualità di circa 2,5milioni di bottiglie l’anno esportate in 50 Paesi, è attivo nei settori della cultura con il Museo del vino di Torgiano (Muvit) e il Museo dell’olivo e dell’olio (Moo) e dell’enoturismo con l’Agriturismo Poggio alle Vigne (10 appartamenti autonomi e 2 case indipendenti con piscina, tra i vigneti del Rubesco).

Mentre la famiglia Nonino si dedica all’arte della distillazione della Grappa dal 1897 e nel 1973 ha rivoluzionato il modo di produrre e presentare la grappa con la creazione del Monovitigno; oggi porta avanti l’evoluzione della grappa in fantastici cocktails dimostrando come un’azienda così radicata in una tradizione di purezza può mantenere la sua identità sperimentando con i suoi distillati.