Antonio Tajani, eletto presidente del Parlamento UE

TAJANI
Antonio Tajani, del Partito popolare europeo, è stato eletto presidente del Parlamento Ue con 351 voti dall’Assemblea di Strasburgo, contro i 282 ottenuti dal candidato socialista Gianni Pittella nel ballottaggio tra i due, finito al ballottaggio dopo una giornata di votazioni che li ha sempre visti in testa.

“Ad oggi inizia una stagione nuova. Vi ho detto come intendo svolgere questo ruolo, sarò il presidente di tutti, non intendo fare il premier dell’Ue”, ha dichiarato Antonio Tajani, nella conferenza stampa successiva alla sua elezione alla presidenza del Parlamento europeo. Quando gli è stata chiesta una spiegazione su questa affermazione, ha risposto: “Vuol dire che non sarò il presidente della maggioranza, ma il portavoce e il garante delle decisioni prese dal Parlamento”.  “Penso di essere il garante di un Parlamento che deve essere forte. Esporrò le idee del Parlamento al Consiglio, tenendo conto anche di ciò che pensa la minoranza, non sarò io a dire le mie opinioni ma illustrerò le opinioni del Parlamento”, ha aggiunto, sottolineando di “non avere un programma politico”. “Il mio programma è quello del Parlamento”, ha poi proseguito, ringraziando il predecessore Martin Schulz “per il lavoro svolto”, con cui ha detto di “aver collaborato bene” come vice presidente.
Con Tajani l’Italia torna alla presidenza dell’Europarlamento dopo 38 anni d’assenza.