Firmato protocollo d’intesa tra Unioncamere e il ministero dell’Interno per la legalità

Piena cooperazione tra il ministero dell’Interno e Unioncamere per la lotta alla criminalità: nei giorni scorsi Unioncamere ha sottoscritto un protocollo con l’Autorità di gestione del Programma Operativo Nazionale “Legalità” FESR-FSE 2014-2020 (PON Legalità) che prevede la collaborazione istituzionale tra i due soggetti firmatari finalizzata all’attuazione di alcuni interventi previsti dal PON Legalità.

Obiettivo dell’intesa è quello di rafforzare le condizioni di legalità per i cittadini e le imprese, al fine di dare un nuovo impulso allo sviluppo economico e migliorare la coesione sociale delle regioni “meno sviluppate” (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia).

Gli interventi sono tesi a favorire:

– l’interoperabilità delle banche dati pubbliche, anche attraverso azioni finalizzate allo sviluppo di sistemi di analisi delle informazioni afferenti alle imprese a rischio di infiltrazione criminale e sistemi per l’anticontraffazione, la tutela del made in Italy e l’antiriciclaggio;

– il rafforzamento delle competenze delle imprese sociali che gestiscono attività nei beni confiscati alla criminalità organizzata;

– il miglioramento della trasparenza dei dati e delle informazioni in possesso della Pubblica Amministrazione e della diffusione degli stessi, nonché di collaborazione e compartecipazione di cittadini e stakeholder competenti nell’utilizzo di sistemi open data, sia, ad esempio, rispetto all’integrazione dei dati pubblicati che alla possibilità di proporre iniziative sulla gestione dei patrimoni confiscati, sul riutilizzo dei dati pubblici a fini di studi/ricerche e/o approfondimenti, e sul controllo sociale sui patrimoni stessi.

Leggi il potocollo

Fonte: Unioncamere