Italia – Cina: firmato il Protocollo Esecutivo di cooperazione scientifica e tecnologica 2019-2021

Firmato nello scorso mese di agosto 2019 il rinnovo del Protocollo Esecutivo (PE) di cooperazione scientifica e tecnologica tra Italia e Cina per il triennio 2019-2021, che rilancia la cooperazione tra i due Paesi nell’ambito dell’Accordo intergovernativo di cooperazione scientifica e tecnologica firmato a Pechino il 9 giugno del 1998. A negoziare il documento per l’Italia, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – MAECI, per la Cina il Ministero della Scienza e della Tecnologia – MOST. Dieci i progetti scientifici congiunti annessi al PE che potranno presentare richiesta di cofinanziamento annuale, secondo lo schema previsto per i progetti di grande rilevanza. A selezionarli, la commissione mista di esperti e funzionari diplomatici dei due Paesi, che ha valutato gli 83 progetti pervenuti in risposta al bando chiuso il 12 dicembre 2018 sulle quattro tematiche previste. Due i progetti selezionati per l’Intelligenza artificiale (presentati da Università di Trento e Politecnico di Milano); due per le tecnologie per l’astrofisica (INAF ed ENEA); due per la conversione delle biomasse in energia (Università di Trieste e Università della Calabria); quattro per le tecnologie biomediche innovative (Università di Roma “Sapienza”, Università di Torino, Neuromed IRCCS, Università di Milano “Bicocca”).