La guerra dei dazi sull’acciaio e il futuro del mercato automobilistico nei rapporti Usa-Korea con riflessi sull’Italia

Non molto tempo fa, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva manifestato l’intenzione di ridiscutere l’accordo di libero scambio tra USA e Corea del Sud, facendo preoccupare, già allora, gli esportatori Coreani. Questa preoccupazione sembrava si stesse per trasformare in realtà in seguito alla decisione degli USA di istituire un dazio al 25% sull’acciaio importato negli Stati Uniti, una mossa fatta soprattutto con un occhio verso la Cina. Fortunatamente però, al tavolo di discussione riguardo l’accordo di libero scambio, la Corea è riuscita a strappare un accordo che la esenta dai nuovi dazi.

La Corea del Sud ha infatti accettato di aprire ulteriormente il suo mercato automobilistico agli Stati Uniti, in cambio di una deroga dalle tariffe dell’acciaio, proprio durante i negoziati per modificare il loro accordo di libero scambio (FTA). Seoul e Washington hanno, in linea di massima, raggiunto un accordo su alcune delle questioni chiave per fissare l’accordo di sei anni sullo sfondo dei negoziati per portare il paese fuori dalla lista di quelli che saranno colpiti con il 25% di dazi sull’acciaio esportato verso gli Stati Uniti. Washington si sta muovendo per imporre tariffe sulle importazioni per motivi di sicurezza nazionale. “L’accordo sull’esenzione dai dazi sull’ acciaio degli Stati Uniti e l’accordo di libero scambio KORUS hanno rimosso il disagio a causa delle crescenti incertezze nel mercato globale dovute alle azioni commerciali degli Stati Uniti contro la Cina”, ha detto il ministro del commercio Kim Hyun-chong in un briefing a Seoul. “Ci si aspetta che crei un ambiente aziendale stabile per gli esportatori coreani.” La Corea del Sud ha ricevuto una quota annuale di importazioni di 2,68 milioni di tonnellate, pari al 70% della media delle esportazioni di acciaio verso gli Stati Uniti negli ultimi tre anni, ha affermato il ministero.

Le esportazioni di acciaio eccedenti il ​​contingente saranno soggette a dazi più elevati. La Corea del Sud ha spedito 3,6 milioni di tonnellate di prodotti siderurgici negli Stati Uniti l’anno scorso, diventando il terzo esportatore di acciaio dopo il Canada e il Brasile, secondo il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti. La Korea Iron and Steel Association ha affermato di essere sollevata dal fatto che Seoul e Washington abbiano raggiunto un accordo per esentare la Corea del Sud dall’elenco dei paesi soggetti alle tariffe dell’acciaio. L’associazione ha anche affermato che farà sforzi per dissipare le preoccupazioni degli Stati Uniti e alleviare le restrizioni statunitensi sulle importazioni di acciaio. In cambio, Seoul ha ampiamente accettato le richieste degli Stati Uniti nel settore automobilistico, il problema più controverso negli ultimi tre turni di trattative commerciali. Gli Stati Uniti estenderanno una tariffa del 25%, sulle importazioni di camioncini coreani, di 20 anni fino al 2041, ponendo ostacoli per gli esportatori coreani oltre la scadenza precedentemente concordata. L’accordo prevede che Seoul raddoppi la soglia delle unità di 25.000 veicoli per le spedizioni di auto degli Stati Uniti che non devono conformarsi alle normative nazionali del settore, il che consentirebbe a più di 50.000 veicoli di entrare più facilmente nella Corea del Sud. Seoul applicherà inoltre norme diverse riguardanti le emissioni ridotte dei veicoli per le auto spedite dal 2021 qundo i nuovi regolamenti entreranno in vigore. I produttori americani si sono lamentati del fatto che le normative ambientali fungono da norme non tariffarie sulle loro automobili. Kim ha detto che l’ulteriore apertura del mercato avrebbe un impatto limitato sull’industria locale poiché nessuna società coreana sta attualmente esportando camioncini sul mercato statunitense. Il numero di veicoli americani spediti in Corea del Sud è rimasto al di sotto della soglia di 25.000 unità negli ultimi sei anni, ha aggiunto. L’accordo provvisorio, che è venuto meno di tre mesi dall’inizio del dialogo, riflette il desiderio del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di ridurre i deficit commerciali nel settore automobilistico.

Mentre l’FTA ha potenziato il commercio auto tra i partner, le aziende sudcoreane hanno goduto di maggiori benefici grazie alle maggiori dimensioni del mercato automobilistico statunitense, che è circa 10 volte quello del mercato coreano. Le esportazioni di auto della Corea del Sud verso gli Stati Uniti sono aumentate dell’80% dal 2011 a $ 18,49 miliardi nel 2015, mentre le importazioni di automobili prodotte in America sono aumentate del 380% dal 2011 a $ 1,68 miliardi nel 2015, secondo i dati del governo.

Ma cosa potrebbe significare questo accordo per le esportazioni da paesi terzi in Corea del Sud? Negli ultimi anni, nonostante il forte aumento delle importazioni di auto di lusso e design soprattutto dalla Germania ma anche dall’Italia, il mercato automobilistico Coreano, il quinto per esportazione e produzione al mondo, è rimasto per lo più intatto. Nonostante la forza del mercato locale, le importazioni sono riuscite a ritagliarsi un’importante fetta di mercato, in cui si è inserito anche il gruppo FIAT Chrysler Automobiles negli ultimi anni, appoggiandosi alle infrastrutture Chrysler già presenti dal 1996. Dato il successo di modelli, il gruppo è in procinto di iniziare ad esportare in Corea anche il marchio Alfa, sull’onda del mercato delle auto di lusso.

Nonostante le buone premesse, l’accordo raggiunto tra USA e Corea del Sud, con un aumento della fetta di mercato di import riservata alle macchine Americane e una conseguente riduzione dell’export Coreano verso gli USA, ridurrebbe considerevolmente la fetta di mercato disponibile agli altri esportatori, spiegando forse i rallentamenti improvvisi per quanto riguarda le importazioni del marchio Alfa in Corea. Le voci riguardanti una fusione tra il gruppo FCA e il gruppo Hyundai-Kia, potrebbero diventare più plausibili dati i recenti sviluppi e la crescente difficoltà nel ritagliarsi una fetta del mercato Coreano.