L’arte musiva del Friuli ritorna al Sud del Brasile

L’Ente Friuli nel Mondo effettuerà, dal 22 al 27 maggio, un’intensa missione istituzionale nel Rio Grande do Sul in Brasile. Il presidente Adriano Luci inaugurerà a Santa Maria, seconda città dello stato, la seconda edizione del Corso internazionale di Mosaico e parteciperà quale relatore alla quarta edizione del progetto “Conoscendo il Friuli”, organizzato dal Circolo Friulano e dedicato quest’anno al mondo dell’impresa.

Nella città di Sobradinho, nell’occasione del 90° di fondazione della città e del 142° anniversario dell’emigrazione italiana nel Rio Grande do Sul, parteciperà su invito del Sindaco Luiz Afonso Trevisan, originario di Pasiano di Pordenone, ad alcuni incontri con 12 sindaci della regione del Centro Serra, molti dei quali di origine friulana e interessati ad allacciare relazioni di natura economico-istituzionale con la Regione Friuli Venezia Giulia, ed abbraccerà la numerosa comunità friulana riunita per celebrare il 10° anniversario del locale Fogolâr Furlan presieduto da Gilson Puntel.

Dopo il grande successo dello scorso anno, Santa Maria ospita il secondo corso di introduzione all’arte del mosaico.

Il progetto, che prevede 48 ore di corso intensivo dal 22 al 27 maggio, è promosso dal Circolo Friulano di Santa Maria presieduto da Josè Zanella e dall’Ente Friuli nel Mondo in collaborazione con la Scuola Mosaicisti del Friuli di Spilimbergo e grazie al contributo finanziario della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – Servizio corregionali all’estero e integrazione degli immigrati.

Partner dell’iniziativa anche la Construtora Jobim di Santa Maria, impresa leader nel settore delle costruzioni che anche quest’anno contribuirà al progetto mettendo a disposizione i locali dove sarà realizzato il corso.

I 14 partecipanti provengono dagli stati brasiliani del Rio Grande do Sul, Paraná e Santa Catarina ma anche da Argentina e Uruguay: un successo di contenuti e “geografico” rispetto alla prima edizione del 2016 che ha coinvolto solo provenienti dal Brasile. Gli interessati potranno apprendere le tecniche di base dell’arte del mosaico e realizzare piccole opere musive. Durante le lezioni verranno affrontati inoltre la storia e l’evoluzione delle tecniche musive, studio delle tendenze, taglio e preparazione dei materiali con uso della martellina e dei materiali tradizionali. Le tipologie di lavorazione affrontate durante il corso spaziano dalla tecnica romana bizantina, al mosaico moderno e contemporaneo.

Tra gli obiettivi generali del progetto: promuovere la conoscenza e l’interesse all’arte del mosaico; stimolare a beneficio di operatori istituzionali, economici, sociali e culturali locali l’interesse per lo sviluppo di futuri progetti di collaborazione/business nel settore del mosaico. L’iniziativa di portare in Brasile l’arte del mosaico è volta a fare sapere che in Friuli esiste la più famosa scuola di mosaico del mondo e ad arricchire il bagaglio culturale dei partecipanti con la conoscenza di un’eccellenza artistica del Friuli perfezionando il loro percorso formativo.

Il corso, unico nel suo genere in Brasile e in Sud America, propone un’offerta di prim’ordine grazie alla partecipazione e direzione delle due maestre mosaiciste brasiliane Marielle e Michelle Bonetti, originarie di Casso e qualificatesi alla Scuola Mosaicisti di Spilimbergo nel 2014. Con tenacia e determinazione – spiega l’Ente Friuli nel Mondo – Marielle e Michelle hanno dato vita al Manas Bonetti – Studio d’Arte, dove realizzano pannelli e oggetti d’arte in mosaico. Parallelamente al lavoro organizzano conferenze e incontri per promuovere l’esperienza vissuta alla Scuola Mosaicisti del Friuli e per diffondere l’arte musiva in Brasile.

In occasione dell’avvio del corso, lunedì 22 maggio, è stata programmata una videoconferenza che vedrà collegate la sede di Santa Maria, con l’intervento del Presidente dell’Ente Friuli nel Mondo Adriano Luci dal Brasile, e la sede della Scuola Mosaicisti di Spilimbergo alla presenza del neoeletto presidente Stefano Lovison, il Sindaco di Spilimbergo Renzo Francesconi, il Direttore della Scuola Mosaicisti Gian Piero Brovedani e alcuni docenti. Lovison ha sottolineato che si tratta del primo corso di matrice “internazionale” della scuola sotto la sua presidenza ed è particolarmente contento di poter dialogare con gli amici Friulani in Brasile e con le nostre due ambasciatrici del mosaico, le sorelle Bonetti.

Fonte: Aise