Leonardo e la polacca PGZ firmano una lettera di intenti per il nuovo elicottero da combattimento AW249

Grazie a questa collaborazione, l’industria della difesa polacca avrà l’opportunità unica di partecipare a un innovativo programma di sviluppo in campo elicotteristico, contribuendo al tempo stesso al piano di modernizzazione delle forze armate polacche con una piattaforma all’avanguardia.

Gian Piero Cutillo, responsabile della divisione Elicotteri di Leonardo, ha dichiarato: “Questo accordo rappresenta una tappa fondamentale nella cooperazione tra le industrie della difesa italiana e polacca, e coinvolge quest’ultima nel più importante programma esistente per un nuovo elicottero da combattimento. Leonardo, tramite PZL-Swidnik, collabora da anni con il Ministero della Difesa polacco e questo accordo apre nuove prospettive per il programma “Kruk”, permettendoci di posizionarci al meglio per il soddisfacimento delle future esigenze della difesa polacca insieme a PGZ”.

Jakub Skiba, amministratore delegato di PGZ, ha dichiarato: “L’accordo di oggi apre nuove opportunità per le aziende del gruppo PGZ nel settore aeronautico. La cooperazione con l’industria italiana nello sviluppo congiunto di soluzioni per le nostre Forze Armate per il programma “Kruk” ci consentirà di espandere le nostre capacità e coinvolgere le nostre aziende – in stretta collaborazione con lo stabilimento PZL-Swidnik di Leonardo – nel programma AW249. Questo programma ad elevato contenuto tecnologico, guidato da Leonardo, sarà promosso anche in altri mercati”.

L’AW249 sarà dotato di tutte le più recenti soluzioni tecnologiche nel suo segmento di mercato beneficiando della grande esperienza operativa accumulata dall’AW129 di Leonardo e del know-how dell’azienda per questa specifica tipologia di elicottero.

Con un peso massimo al decollo attorno alle 7-8 tonnellate e un carico utile superiore a 1800 kg, l’AW249 avrà velocità e autonomia che gli consentiranno di svolgere le più complesse operazioni di supporto aereo ravvicinato e scorta. L’AW249 sarà dotato di sistemi di missione e di comunicazione all’avanguardia e sarà in grado di gestire velivoli senza pilota. Inoltre sarà dotato di numerosi sistemi in grado di aumentare la consapevolezza della situazione operativa sul campo riducendo in tal modo il carico di lavoro dell’equipaggio e aumentando la sicurezza. Grazie alle avanzate tecnologie e alla sua filosofia di progettazione, l’AW249 beneficerà di una significativa riduzione dei costi lungo l’intero ciclo di vita del prodotto rispetto agli elicotteri della generazione precedente