Ripartono i consumi domestici di Grana Padano

Ripartono i consumi domestici di Grana Padano nel periodo ottobre 2017-marzo  2018, confrontati su base tendenziale: +6,7% in quantità e +5,5% in valore. Lo rileva Fieragricola, su  elaborazioni di Clal.it, portale di riferimento mondiale per il settore lattiero caseario.

Quello della ripresa dei consumi è un segnale positivo, che si accompagna a un export soddisfacente. Nel  mese di gennaio, infatti, le esportazioni di Grana Padano Dop e Parmigiano Reggiano Dop (il codice  doganale è unico) sono aumentate del 12,3% rispetto allo stesso mese del 2017.

La maggiore crescita è  stata registrata negli Stati Uniti, in Francia e in Canada.  Questo scenario positivo compensa i prezzi di mercato, che in questa fase sono stabili, ma al di sotto del  valore che meriterebbe uno dei più importanti formaggi duri a denominazione d’origine del mondo.

I prezzi contenuti stanno spingendo le vendite sui mercati interni, in particolare nel primo  trimestre di quest’anno. Fra gennaio e marzo 2018 (elaborazione Clal.it su dati Iri) sono cresciuti i consumi  del 9,3% in quantità del 4,7% a valore.  Positivo anche l’andamento del Parmigiano Reggiano Dop, che nel primo trimestre 2018 ha segnato un  incremento del 3,5% dei consumi in quantità e del 5% in valore.