Sfide comuni, da vincere insieme

èItalia 109 – Eventi

A Milano il 12 e 13 giugno, successo per la VII Conferenza Italia-America latina e Caraibi 

di Simona Bottoni, ricercatrice dell’ISAG ed esperta di America Latina

Si è svolta a Milano, il 12 e 13 giugno, la VII Conferenza Italia-America latina e Caraibi. È stata la più riuscita delle edizioni fin qui organizzate, per la grande partecipazione di pubblico, stampa, imprenditori ed addetti ai lavori, e per l’intervento del maggior numero di alti rappresentanti di Governo ed Istituzioni dei Paesi coinvolti.
La Conferenza ha cadenza biennale ed è il principale foro d’incontro e di confronto tra l’Italia ed i Paesi dell’America Latina. I lavori si sono svolti in due giornate: la prima Presidenziale, presso il nuovo Palazzo di Regione Lombardia il venerdì 12 giugno; la seconda Ministeriale, presso l’auditorium del Padiglione Italia in Expo 2015, nel mattino di sabato.
Ha aperto col benvenuto il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni; a seguire i saluti del Sindaco di Milano Giuliano Pisapia, quelli del Presidente del Senato Pietro Grasso e del Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Hanno moderato gli interventi il Sottosegretario Mario Giro, il Segretario Generale del MAECI Michele Valensise, il Direttore della DGMO Luigi Marras.
Tanti gli interventi, tutti con una visione comune: Governi e Parlamenti possono essere un supporto essenziale per affrontare i grandi temi evidenziati nella conferenza. Tra questi, Mario Giro rende noto il titolo di questa VII Conferenza, “Per una visione comune”, a sottolineare la necessità di rinnovare il ponte tra Italia ed America Latina. Il Ministro Gentiloni pone l’accento sulla drammaticità degli effetti che sui Paesi dei Caraibi stanno avendo i cambiamenti climatici, tanto che alcuni di essi vivono il problema come una seria minaccia per la stessa sopravvivenza fisica dei propri territori. Il fil rouge dei cambiamenti climatici c’è anche del discorso del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, che ha sottolineato la necessità di una distribuzione più equa dei beni, per combattere fame e povertà, e ha evidenziato come la crescita degli investimenti latino-americani in Europa ed in Italia è indice di un rapporto divenuto biunivoco.
In conclusione Mario Giro ha auspicato: una maggiore collaborazione tra Italia ed America Latina nelle diverse organizzazioni internazionali; la partecipazione italiana alle Banche di Sviluppo regionali e subregionali, molto importante per le nostre imprese che operano o intendono operare nell’area; la concertazione con l’America Latina per affrontare le grandi sfide dei nostri tempi. Il Ministro Gentiloni nel felicitarsi del successo della Conferenza, ha ringraziato per l’organizzazione Mario Giro, l’IILA ed il Coordinatore Donato Di Santo, che ne è stato instancabile ed appassionato Coordinatore, in tutte le edizioni fino ad oggi.


 

Collective Challenges, to Be Confronted Together

Success for the VIIth Italy-Latin American and Caribbean Conference in Milan on the 12th and 13th June

In Milan, on 12th and 13th June, the VIIth Italy-Latin American and Caribbean Conference took place. This was the most successful launch of the event organised so far, due to the high level of participation from the public, press, entrepreneurs and professionals, and to the response from large numbers of top representatives from government and national institutions involved. The Conference is held biennially and is the main forum for bringing together and comparing Italy and Latin American countries. The activities take place over two days: the first is Presidential, held at the new Palazzo di Regione Lombardia, the seat of Lombardy’s regional authorities on Friday, 12th June; the second is Ministerial, held in the auditorium of the Italian Pavilion at Expo 2015, on the Saturday morning. The President of the Lombardy Region, Roberto Maroni opened with a welcome speech; followed by greetings from the Mayor of Milan, Giuliano Pisapia, and from the President of the Senate, Pietro Grasso and the Minister of Foreign Affairs, Paolo Gentiloni. The contributors were moderated by the Undersecretary, Mario Giro, the Secretary General of the Ministry of Foreign Affairs and International Commerce, Michele Valensise, and the Director of the Directorate General for Globalisation and Global Affairs, Luigi Marras.
So many contributors, all with a common vision: Government and Parliament can offer essential support for addressing the major themes revealed in the Conference. Amongst these, Mario Giro took note of the title of this VIIth Conference, ‘For a common vision,’ to emphasise the need to renew ties between Italy and Latin America. Minister Gentiloni emphasised the dramatic effects of climate change on countries in the Caribbean, to the extent that some are experiencing a serious threat to the very physical survival of their own land. The common theme of climate change also runs through the speech from the President of the Council, Matteo Renzi, who underlined the need for a more equal distribution of goods to combat hunger and poverty, and showed how the growth of Latin American investments in Europe and Italy were a sign of a relationship which now worked both ways.
In conclusion, Mario Giro hoped for a closer collaboration between Italy and Latin America in various international organisations; the participation of Italy in the regional and sub-regional development banks – very important for our businesses operating in the area – and cooperation with Latin America to address the huge challenges of our times. In his congratulations for the success of the Conference, Minister Gentiloni thanked Mario Giro for organising it and Donato Di Santo, who has been a tireless and enthusiastic Coordinator every year so far.