Spiagge di Puglia «plastic free», al bando bicchieri e bottiglie

L’ordinanza regionale in vigore dall’estate: è la prima Regione d’Italia ad attuare il provvedimento. Previsti anche incentivi per i pescatori che la catturano con le reti

“Sarà certamente complicato, ma possiamo farlo”. Lo aveva scritto il governatore della Puglia, Michele Emiliano, che a novembre 2018, in un post, ha annunciato: “Aboliamo la plastica monouso. Subito. La legge pugliese sull’economia circolare e sulla prevenzione dei rifiuti proverà a farlo”. E ora la Regione sarà la prima in Italia a vietare la plastica monouso in spiaggia, dai contenitori alle stoviglie, in anticipo di due anni rispetto alla direttiva comunitaria che la bandirà solo dal 2021. Ad annunciare la novità è stato l’assessore regionale al Bilancio con delega al demanio marittimo, Raffaele Piemontese, al termine di una riunione di confronto sull’ordinanza balneare 2019 con i rappresentanti dei sindacati dei balneari e delle associazioni ambientaliste.

STOP ALLA PLASTICA NEI LIDI PUGLIESI – “D’intesa con il presidente Emiliano – ha spiegato l’assessore – ho proposto ai rappresentanti degli stabilimenti balneari, che hanno condiviso all’unanimità, la decisione di dire stop, sin da questa stagione estiva, alla plastica sui nostri lidi, a favore invece di materiale compostabile e monouso”. La misura scatterà, dunque, già dall’estate 2019. “È un risultato prezioso per l’equilibrio futuro del nostro ambiente marino. La Puglia anche questa volta è all’avanguardia. Siamo la prima regione in Italia a rinunciare alla plastica per salvare la bellezza del nostro mare”, ha commentato Piemontese. Sottolineando: “È il nostro contributo per il Venerdì del Futuro” che continua a mobilitare i ragazzi in tutto il mondo “nella sfida contro il cambiamento climatico che sta ipotecando il futuro di tutti”. Si tratta indubbiamente di un’accelerazione dopo l’impegno della Cna Balneatori Puglia (200 gli operatori aderenti) che a febbraio scorso aveva annunciato l’utilizzo, dalla prossima stagione estiva, di buste di carta e la riduzione dell’utilizzo di plastica monouso, sostituita da contenitori e attrezzi in cellulosa biodegradabile (bicchieri, posate e piatti).