Un aiuto per difendere il Made in Italy: il gelato artigianale a bordo della Sky Princess.

L’intuizione della Princess, offrire ai propri clienti un vero prodotto da passeggio, tipicamente italiano: il gelato artigianale.

La cultura enogastronomica italiana è frutto di un secolare processo che ha percorso la nostra società ed i nostri territori, al punto che nessun Paese al mondo ha una concentrazione così alta di differenti espressioni identitarie. Le immediate evidenze di questa  cultura gastronomica sono in tutto il mondo i nostri ristoranti, le gelaterie, le caffetterie, le pizzerie che sono ammirate e ricercate da tutti e proprio per questo, purtroppo, copiate e spesso storpiate.

Cosa significa allora difendere queste identità nel mondo e soprattutto chi lo può fare?

Un esempio che si vuole elevare a simbolo è quello della Princess, una compagnia croceristica americana che fa parte del Gruppo Carnival Corporation con oltre 110 navi, 20 miliardi di fatturato, 12 milioni di clienti per lo più americani e migliaia di dipendenti delle più svariate nazionalità.

A bordo della Sky Princess, nave varata da Fincantieri, si consuma oggi gelato artigianale realizzato solo con macchinari italiani e con semilavorati italiani; il risultato è un gelato di qualità che possiamo acquistare a Roma o a Milano ma solo in certi posti “consigliati”.
La dedizione di un manager della compagnia mista e di  un imprenditore italiano ha prodotto questo incredibile risultato: a bordo della Sky Princess nella “piazza” si gusta e si parla solo vero gelato italiano; è sparito l’“ice cream” anche se di più semplice lettura.

La vera innovazione è risieduta nella volontà della Compagnia di adottare un comportamento a difesa della identità italiana, combattendo quindi “fake” ed “italian sounding”; pur riconoscendo che lo hanno fatto per interesse, occorre ammettere, senza se e senza ma, che noi italiani ne abbiamo tratto il massimo vantaggio possibile. La conseguenza è stato l’ottenimento della certificazione Ospitalità Italiana, cosa che la Princess racconterà nel corso del prossimo anno a tutti gli americani.

In conclusione la compagnia americana Princess, si adopererà per difendere le nostre identità perché ne ha riconosciuto il valore per i propri clienti. C’è da aspettarsi che è solo l’inizio di un comportamento “controcorrente”, in questa nuovo mondo globalizzato che non finirà mai di meravigliarci.

di Giovanni Cocco