Vestiti dalla plastica: The North Face e National Geographic insieme

Dalle bottiglie di plastica ai vestiti. The North Face sta producendo da alcuni mesi, all’interno di una linea denominata “Bottle Source“, capi d’abbigliamento prodotti a partire dai vecchi e non più utilizzabili contenitori plastici (raccolti da tre parchi nazionali statunitensi: Great Smoky Mountains, Yosemite e Grand Teton). Ora insieme con il National Geographic si prepara a lanciare alcuni prodotti speciali in edizione limitata.

Si tratterà come detto di magliette, felpe e borse a edizione limitata, sulle quali sarà inoltre presente una scritta “Waste Is Over” (“Lo spreco dei rifiuti è finito”). Un’iniziativa ecofriendly che contribuisce da un lato a ridurre il volume dei rifiuti in plastica presenti in natura, dall’altro porta avanti una campagna di sensibilizzazione verso il riciclo dei materiali. Come sottolineato in una nota stampa:
Oltre 8 miliardi di tonnellate di plastica sono stati prodotti dal 1950 e quel numero è destinato a incrementare fino a 34 miliardi di tonnellate entro il 2050. Nel 2015 si stima che solo il 9% di plastica è stata indirizzata verso il riciclo. Il mondo sta combattendo contro una crisi da plastica monouso e questo è il tempo di agire.

Un’iniziativa che comprenderà anche un’ulteriore azione da parte di The North Face. L’azienda ha annunciato che per ogni prodotto della linea Bottle Source acquistato devolverà 1 dollaro alla National Park Foundation, allo scopo di sostenere progetti e programmi dedicati alla sostenibilità.