“Vino. A Taste of Italy”: inaugurato il Padiglione

èItalia 108 – Mipaaf

La volontà, come spiegato dal Ministro Martina, è “riuscire a trasmettere, in un modo non banale, la storia e la tradizione del vino italiano”

Il viaggio nella tradizione vinicola italiana inizia dal Padiglione “Vino. A Taste of Italy”. Alla presenza del Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Maurizio Martina, del Commissario Unico Delegato del Governo per Expo Milano 2015, Giuseppe Sala, del Presidente di Expo 2015 SpA e Commissario Generale per il Padiglione Italia, Diana Bracco, del Presidente di Veronafiere, Ettore Riello, e del coordinatore del comitato scientifico, Riccardo Cotarella, è stato ufficialmente inaugurato, sabato 23 maggio, il Padiglione “Vino. A Taste of Italy”.
Il Padiglione del Vino racconta al mondo il patrimonio vitivinicolo italiano, attraverso un percorso che coinvolge i cinque sensi e che esalta la biodiversità culturale del Vigneto Italia, unico nella sua identità con 593 vitigni autoctoni. “La realizzazione di questo spazio ha costituito una vera e propria sfida per il mio Ministero – ha commentato Maurizio Martina – soprattutto per l’importanza di riuscire a trasmettere, in un modo non banale, la storia e la tradizione del vino italiano”.
Il Padiglione, progettato dall’architetto Italo Rota, raccoglie le testimonianze della cultura vinicola regionale in un viaggio, attraverso la storia delle pratiche agricole e della lavorazione delle uve, che ha coinvolto lo stesso Ministro in un percorso sensoriale ideato per esaltare i colori, il sapore, i profumi e le emozioni della viticoltura e dell’enologia italiana.
Il Ministro dell’Agricoltura ha ricordato che “Expo Milano 2015 è un’occasione straordinaria per la produzione vinicola del nostro Paese, che ha bisogno di nuove idee proporsi nel mercato internazionale”, concludendo l’evento nella Biblioteca del Vino, a cui è seguita la degustazione di alcune delle 1.400 etichette disponibili nell’Enoteca del Futuro.


 

‘Vino. A Taste of Italy’: the Pavilion is Inaugurated

Its intention, as explained by Minister Martina, is “to convey the history and tradition of Italian wine in a non-trivial way”

The journey into Italian wine traditions starts from the Pavilion ‘Vino. A Taste of Italy.’ In the presence of the Minister of Agriculture, Food and Forestry Policies, Maurizio Martina, the Sole Commissioner Government Representative for Expo Milano 2015, Giuseppe Sala, President of Expo 2015 SpA and General Commissioner for the Italian Pavilion, Diana Bracco, President of Veronafiere, Ettore Riello, and the coordinator of the Scientific Committee, Riccardo Cotarella, the Pavilion ‘Vino. A Taste of Italy’ was officially inaugurated on Saturday 23 May.
The Italian Wine Pavilion tells the world of Italy’s wine heritage through a process that involves all five senses and enhances the cultural biodiversity of Italy’s vineyards and their unique identity composed of 593 vines. “The creation of this space has been a real challenge for my ministry,” said Maurizio Martina, “especially because of the importance of being able to convey the history and tradition of Italian wine in a non-trivial way.”
The pavilion, which was designed by the architect Italo Rota, gathers together testimonies of the regional wine culture to construct a journey through the history of grape farming and the processing practices, which involved the same Minister in a sensory journey designed to enhance the colours, flavours, smells and emotions of Italian viticulture and oenology.
The Minister of Agriculture stated that “Expo Milano 2015 is an extraordinary opportunity for wine production in our country, which needs new ideas to propose to the international market.”
These words concluded the event in the Wine Library, which was followed by a tasting of some of the 1,400 labels available in the ‘Enoteca del Futuro’ (the wine shop of the future).