La console Russi consegna la Stella D’Italia al Deputato Leo Portela

Nel primo evento ufficiale della nuova sede del Consolato d’Italia a Belo Horizonte, la Console Aurora Russi, giovedì scorso 26 ottobre, ha consegnato l’onorificenza dell’Ordine della Stella d’Italia al deputato Leo Portela.

In un breve intervento, Russi ha ringraziato i tutti presenti e in particolare gli ospiti del Deputato e suo padre, il deputato federale Lincoln Portela, appositamente arrivato da Brasilia per partecipare all’evento.

“Sono felice di consegnare il premio a chi ha fatto molto per la comunità italiana”, ha dichiarato Russi.

L’ordine è stato creato dopo la seconda guerra mondiale con il nome di Stella della Solidarietà per ringraziare chi contribuiva alla ricostruzione dell’Italia. Con una legge del 2011, il premio è stato trasformato in Ordine della Stella d’Italia per premiare coloro che stando all’estero, sia italiani che stranieri, realizzano qualcosa di speciale per l’Italia.

“Il Deputato – ha ricordato la console – in una notte ha risolto un problema che, all’ultimo momento, aveva messo in rischio lo svolgimento della ormai prossima Grande Festa Tradizionale Italiana de Belo Horizonte. Portela aiuta il consolato anche nei rapporti con l’Assemblea Legislativa del Minas Gerais e in tutti gli ambienti dove ha contatti”.

Poi la Console ha riassunto la traiettoria di Portela dalla laurea fino alla sua elezione all’Assemblea legislativa, senza dimenticare la moglie del Deputato, la pediatra Daniela, anche lei con doppia cittadinanza.

Questa è la motivazione dell’onorificenza che Russi ha letto poi ai presenti:

“Dei politici di origine italiana del Minas Gerais, Leo Portela è quello che mantiene più forte il vincolo con l’Italia, conosce perfettamente il nostro paese e la nostra lingua e partecipa a tutte le attività della Collettività Italiana dando un contributo decisivo alla diffusione della nostra cultura in Minas Gerais. È portavoce e garante presso le autorità locali della Grande Festa Italiana”.

La console ha anche ricordato l’aiuto dato al consolato sia per l’attività di supporto agli investimenti italiani nel Minas che per la creazione di un canale diretto tra le Istituzioni italiane, il Governo dello Stato e l’Assemblea Legislativa dello Stato del Minas Gerais.

Presente alla cerimonia anche Paolo Bassetti, presidente della Ternium, uno dei gruppi di controllo della Usiminas, che nel suo intervento ha rimarcato il contributo e l’assistenza data dal Deputato agli imprenditori italiani che arrivano in Brasile portando capitale e creando imprese e nuovi posti di lavoro.

In ultimo ha preso la parola Leo Portela che ha definito “speciale” il momento e ha ricordato che fin da bambino ascoltava dal nonno, dal papá e dai cugini dei legami con l’Italia.

“Un giorno – ha detto – l’Italia saprà del mio amore che io metterò al suo servizio. Questo giorno è arrivato e ringrazio il Presidente Mattarella, il ministro Angelino Alfano, la cara amica e più brava console della storia di Belo Horizonte Aurora Russi, la famiglia e tutti i presenti che hanno partecipato a questo momento così speciale per me”.