Il cambio merce pubblicitario, una formula sempre più vantaggiosa

Il cambio merce è una forma moderna di baratto, grazie alla quale il corrispettivo dell’agenzia pubblicitaria che svolge l’operazione di marketing viene versato sotto forma degli stessi prodotti reclamizzati. Per questo motivo viene chiamato anche bartering pubblicitario, una forma di transazione economica che consente di eliminare il pagamento della pubblicità di beni oppure servizi con denaro.  Una formula che continua ad incontrare un grande successo e che si sta diffondendo sempre più, così come ci racconta Domenico Zambarelli nel raccontare il Gruppo Next, società con sede a Milano, che opera nella promozione, nella comunicazione e nel media attraverso lo strumento del cambio merce pubblicitario.
“Il cambio merce si basa su un concetto molto semplice: l’azienda vende i suoi prodotti (beni di largo consumo, abbigliamento, home decor, automobili, elettrodomestici, ecc.) a Gruppo Next che in cambio pianifica e acquista pubblicità. Gruppo Next  – prosegue Zambarelli – promuove l’azienda cliente e i suoi prodotti attraverso pianificazioni media tradizionali su TV, stampa, web, radio, etc., progetti di comunicazione, sponsorizzazioni, organizzazione di eventi etc. sia in Italia che all’estero. L’azienda, così, realizza la sua campagna pubblicitaria senza impiegare liquidità e trasformando eccedenze di magazzino o cambi di packaging in opportunità di comunicazione. Gruppo Next rivende gli stessi prodotti su nuovi canali distributivi,  offrendo  alle aziende canali alternativi di distribuzione e ai trader acquirenti prodotti di tutte le categorie merceologiche e dei più importanti brand Italiani ed esteri.” .