Mobile.Milano 2018, al via la 57a edizione

Riapre le porte il Salone del Mobile.Milano, appuntamento imprescindibile del settore a livello internazionale, e vetrina per eccellenza di creatività, innovazione e qualità. La 57° edizione riparte dai valori fondanti della Manifestazione e dal suo profondo legame con Milano. Quest’anno, pilastro dell’evento è il suo primo Manifesto: un patto di intenti finalizzato a canalizzare le forze che nel capoluogo possono lavorare insieme per mantenere il ruolo di leadership della manifestazione e della città, oltre che attrarre pensieri, progetti, risorse nuove.

“Guardando alle migliaia di persone che affollano tutti i giorni i padiglioni è facile comprendere come il Salone del Mobile.Milano non sia solo una semplice fiera, ma un’esperienza globale e un’emozione che richiama aziende, creativi, comunicatori e professionisti da ogni parte del mondo. Proprio per questa forza attrattiva, il Salone del Mobile è una grande risorsa per il Sistema Italia, concentrando in un unico momento e in un unico luogo l’eccellenza innovativa di pensiero e di prodotto.” afferma Claudio Luti, Presidente del Salone del Mobile. “È proprio in questi giorni che si innesca quel primo virtuoso e fruttuoso dialogo tra produttività e creatività che darà vita a grandi progetti nei prossimi mesi. È qui che si fanno incontri straordinari, capaci di cambiare il corso delle cose e dare vita a collaborazioni che lasceranno il segno. Oggi, le parole del Manifesto prendono vita e concretezza e si fanno business e cultura per chi crede nella qualità e nel futuro dato dall’internazionalizzazione”.

Riflettori puntati, allora, su un’edizione che vuole rimettere a fuoco la centralità di quel particolarissimo rapporto tra impresa diffusa, città, territorio, rete di comunicazione e cultura che si è sviluppato attorno al Salone del Mobile.Milano. Un’edizione in cui risuona, più forte che mai, l’invito a tutti gli attori coinvolti a impegnarsi per preservarlo, farlo crescere, proiettarlo in un futuro globale. Solo così può mantenere la sua centralità rispetto allo scenario internazionale degli eventi dedicati all’arredo e al design.

“Il legame con il territorio è uno dei cardini della nostra filiera, e ha reso possibile la nascita del made in Italy come oggi lo conosciamo e come ci viene universalmente riconosciuto. Il Salone del Mobile è la celebrazione di questa storia, ed è il migliore indicatore del posizionamento dell’Italia nel campo del design inteso come cultura del progetto, in cui la contaminazione reciproca tra mondi diversi si alimenta e attrae investimenti”, sottolinea Emanuele Orsini, Presidente di FederlegnoArredo e di FederlegnoArredo Eventi. “L’energia di sistema che ad aprile si sprigiona in tutta la città nasce da un motore propulsivo che funziona tutto l’anno a pieno regime. Le nostre aziende affrontano la settimana più importante dell’anno con dinamismo: il comparto ha chiuso il 2017 con un fatturato complessivo di 41,5 miliardi di euro, in crescita del 2%. Se il sistema manifatturiero del legno-arredo conferma il suo primato è perché è riuscito a mantenere in Italia il DNA della sua creatività, tramandata di generazione in generazione, che ha consentito di non disperdere il patrimonio di idee che ci differenzia dai competitor europei e ci proietta oltre confine”.

Cinque le manifestazioni che si svolgono in sinergia fino a domenica 22 aprile con la presenza di 1.841 espositori al Salone Internazionale del Mobile, Salone Internazionale del Complemento d’Arredo, EuroCucina con l’evento FTK (Technology For the Kitchen), Salone Internazionale del Bagno e di 650 designer al SaloneSatellite.

Il Salone Internazionale del Mobile e il Salone Internazionale del Complemento d’Arredo offrono numerosi e variegati percorsi estetici, dove il protagonista è un prodotto sempre più ricercato, fluido, quasi sartoriale per rispondere alle singole esigenze di ogni cliente. La relazione di appartenenza di tutti questi pezzi è sempre e comunque l’innovazione, la ricerca, la qualità.

EuroCucina e FTK (Technology For the Kitchen) confermano la straordinaria vivacità di un comparto che ha alle spalle un sistema fabbrica d’eccellenza. E che lavora, da sempre, con grande impegno su innovazione, tecnologia, qualità di prodotto e di allestimento.

Il Salone Internazionale del Bagno si attesta una biennale in crescita, fortemente dinamica che, oggi, lavora sul tema della qualità sostenibile. Impegno che significa controllo di tutti i fattori produttivi: dal disegno allo sviluppo industriale, dal piano economico al processo di marketing e di comunicazione fino al sevizio post vendita. Ne deriva un design che incorpora i principi dell’economia circolare e si traduce in prodotti green oriented, eticamente responsabili, sempre più incentrati sulla ricerca.

Il SaloneSatellite accoglie 650 giovani talenti che presentano lavori in bilico tra heritage e contemporaneità, nuove tecnologie e artigianato. Un percorso tra sperimentazione, memoria, natura e forza della materia, antropomorfismo, riciclo creativo, contaminazioni e digital effect che stupisce ed emoziona.

 Per sottolineare e valorizzare il legame con Milano, dal 17 al 25 aprile, in piazza del Duomo, davanti a Palazzo Reale, il Salone offre alla città il progetto “Living Nature. La natura dell’abitare”, sviluppato insieme allo studio internazionale di design e innovazione Carlo Ratti Associati (CRA). Living Nature è un laboratorio unico nel suo genere, perché combina design, ingegneria e botanica per testare come uno spazio, sia esso domestico o urbano, possa diventare più a misura d’uomo utilizzando le risorse naturali in modo sostenibile.

Coerentemente con le idee esposte nel Manifesto, anche quest’anno, il Salone del Mobile.Milano vuole premiare il meglio delle idee, della creatività, dell’innovazione e della tecnologia. La terza edizione del Salone del Mobile.Milano Award sarà una grande festa del design che verrà celebrata venerdì 20 aprile a Palazzo Marino sotto il segno delle grandi suggestioni che la manifestazione avrà trasmesso. Una giuria – composta da un critico, un architetto, un curatore di museo, un fotografo, un curatore di mostre – aggiudicherà tre premi pari merito alle tre aziende che si saranno distinte quale migliore presenza in questa edizione, basando il proprio giudizio su prodotti, allestimento, materiali, tecnologia. Milano, 17 aprile 2018 Ufficio